Mangano, ultimo atto: arriva Camizzi

camizziAll’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale del 30 giugno è iscritta una mozione firmata dai consiglieri Borghi, Bussini, Ciocca, Lingiardi, Merisi, Minuti, regolarmente protocollata il 12 giugno, che chiede che, nel rispetto delle norme vigenti (art. 84 D.leg. 163/2006), venga sottoposta preventivamente alla commissione consiliare competente la rosa dei designati componenti della commissione aggiudicatrice dell’incarico per piazza Setti. Una mozione che chiede di recepire le eventuali osservazioni formulate e che chiede che in ogni caso venga consentito alla opposizione in Consiglio di vedere riconosciuta la propria funzione di controllo e garanzia.

Prendiamo atto che la risposta della Amministrazione Pezzoni è, come al solito, figlia della pratica politica del fatto compiuto. Si consente che venga nominata la commissione alla faccia della mozione all’odg del Consiglio.

Ne prendiamo atto tra una certezza, e cioè che per questa Amministrazione coloro che rappresentano comunque una grossa parte della città sono un nulla di cui non tener minimamente conto, e una perplessità (il nome dell’arch. Mario Camizzi entra ed esce dalle vicende intorno ai Lavori pubblici e a piazza Setti ad ogni piè sospinto). A quel che ad ora si sa, la Commissione è stata scelta come ultimo atto dall’Amministratore unico di STU neodimissionario assessore Basilio Mangano, di cui l’arch. Camizzi è, nella vita politica, il braccio destro. Presidente della commissione giudicatrice, sempre a quanto si sa, sarà il segretario generale del Comune dott. Purcaro, mentore giuridico di tutta l’operazione STU. E anche questa è una novità.

Vedremo di cosa queste novità saranno foriere.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.