E alla fine ci sono riusciti

1031 pinocchioA mia memoria non era mai successo che una polemica politica per quanto aspra, sfociasse in aggressione fisica.
A mia memoria non era mai successo che la stampa (perfino quella nazionale) si fosse dovuta occupare del  sindaco di Treviglio per raccontarne le malefatte.
A mia memoria non era mai successo che tante bugie fossero dette per difendere che cosa: una poltrona? degli interessi? dei comportamenti?

Ma non è di Sant’Agostino l’insegnamento “Herrare umanum est, perseverare autem diabolicum?”. E perché il cattolicissimo Pezzoni non lo mette in pratica?
Alla fine il comportamento di Pezzoni, ma soprattutto dei suoi sodali politici, ha determinato una situazione vergognosa, insopportabile e senza prospettive.
Perché questo incomprensibile atteggiamento? Pensano davvero di poter governare la città con un sindaco indagato e reo confesso?

Cosa vuol dire “Non sono un coniglio” e poi temere l’incontro con i cittadini tanto da uscire molto dopo la fine dei lavori e scortato dalla polizia? E comunque, se non gradisce l’associazione del suo comportamento con quello di un animale, ci asterremo da tali similitudini: ma allora ci resta solo Pinocchio!

In ogni caso peggio del sindaco è la sua giunta che lo spinge a sostenere l’impossibile, che lo usa per difendere una causa persa, che fa di lui l’ultimo giapponese che difende l’isola deserta del Pacifico. I Trevigliesi non lo meritano.
E sono quelli che gridano a Roma contro una giunta che “disonora” l’immagine della capitale. E qui, a Treviglio, è giusto disonorare la nostra città?
Riflettano per il bene della città, cui non si può imporre un sindaco bugiardo.

Alla fine sono riusciti a far degenerare il confronto politico, per quanto aspro, in rissa, hanno diviso la città in Guelfi e Ghibellini, hanno sostituito al confronto sulle cose quello sulle malefatte! Non ne avevamo proprio bisogno.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.