Foro boario: il TAR dà ragione ai cittadini

Carta canta: la sentenza del TAR di Brescia n. 39/2017 (in allegato), che ha accolto il ricorso presentato da due cittadini trevigliesi, Andrea Mossali e Giovanna Vertova, ha annullato la delibera della Giunta comunale assunta il 30 settembre 2015 (Era Pezzoni) in virtù della quale avrebbe dovuto essere costruito dalla società Immobiliare Ossidiana, facente capo a Coop Lombardia, un centro commerciale imperniato su un brico center nell’area che fino allo scorso anno ha ospitato le manifestazioni fieristiche e le feste popolari della nostra città.

Comune di Treviglio e Ossidiana sono stati bacchettati su tutta la linea nella loro strategia difensiva. Il TAR ha riconosciuto la piena legittimazione a ricorrere dei due cittadini, ha riconosciuto la funzione propositiva e consultiva dei Comitati di quartiere, ha riconosciute la illegittimità della delibera assunta dalla Giunta.

Lapidaria la conclusione del TAR: “Ne discende l’accoglimento del ricorso e le spese del giudizio non possono che essere imputate al Comune, in conseguenza di una violazione di legge e di un’ipotesi di incompetenza tanto evidenti da integrare anche una possibile fattispecie di colpa grave rispetto al conseguente danno erariale, la cui valutazione è rimessa alla procura della Corte dei Conti competente”.

Cosa succederà adesso? Dipenderà dalle scelte dell’Amministrazione comunale e da Ossidiana, ad oggi non note. La questione tornerà ad essere comunque di competenza del Consiglio comunale cui è stata sottratta dalla solita scelta “muscolare” della Giunta. Scelta illegittima, come il TAR ha sentenziato.

1 thought on “Foro boario: il TAR dà ragione ai cittadini”