Una mozione che fa rabbrividire

Alcuni giorni fa il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione dal titolo “Criticità in relazione all’attività di volontariato”, in relazione al coinvolgimento di alcuni “richiedenti asilo” in lavori socialmente utili da svolgersi a contatto con minori. La mozione, apparentemente generica, riguarda molto da vicino la nostra città, perché riprende le proteste sollevate da … [Continua]

I ragazzi di Via Casnida

Ormai da quasi un anno a Treviglio sono ospitati 22 giovani richiedenti asilo. Alloggiano presso la struttura di via Casnida di proprietà della Fondazione Portaluppi, che mette a disposizione i locali. La gestione è affidata alla cooperativa Ruah di Bergamo. Precisamente diciassette sono alloggiati in via Casnida, altri cinque in un appartamento alla Geromina. Nel … [Continua]

Questo non è il Bar Sport

MIGRANTI E RICHIEDENTI ASILO — TRA PERCEZIONE E REALTÀ Quando anche lo zero virgola fa paura. Ogni tanto è bene fermarsi sui numeri, anche se poi ognuno li interpreta a modo suo. Sulle migrazioni vogliamo comunicare come stanno le cose. Poi ognuno la penserà come vuole. E dire la sua al Bar Sport. Tutti questi dati … [Continua]

Quando le felpe non servono

Nell’agosto del 1938, mentre in tutta Europa la pressione tedesca era già altissima e gli Ebrei già avviati verso lo sterminio (insieme agli oppositori politici, zingari, omosessuali…) la Svizzera decise di chiudere le sue frontiere ai profughi. Noi abbiamo chiamato persecutore e assassino il regime tedesco (ed i suoi affiliati), perseguitati gli Ebrei e complici … [Continua]

€ 300.000 al giorno per salvare migliaia di vite umane sono sempre ben spesi. E inoltre…

La Lega Nord tiene a farci sapere che si stima in circa € 110.000.000 l’anno (€ 300.000 al giorno) il costo dell’operazione Mare Nostrum. Bene. Credo sia facilmente sostenibile che moltissimi tra i profughi andranno in altri Paesi o faranno ritorno tra qualche tempo in Africa. Ma un certo numero si fermerà da noi ed andrà a … [Continua]

Il supermercato, l’ernia, l’Africa

Chi mi conosce sa che non amo fare la spesa. Sono vittima di una forma allergica poco conosciuta che si attiva appena mi avvicino a quell’edificio dal nome fumettoso: supermercato. Le reazioni tipiche sono: mal di testa, nervosismo, difficoltà motorie (evitare la gente quando si aggira per i corridoi con un carrello richiede doti atletiche … [Continua]