E adesso?

Una cosa è certa: la sentenza del TAR ha rimesso in discussione il destino di Foro boario. O almeno ha aperto la possibilità che questo avvenga.

A questo punto ci si aspetterebbe dall’Amministrazione comunale una pausa di riflessione e la volontà di verificare se le scelte che ha operato o confermato sono quelle migliori per la città.

Il comunicato piuttosto vaporoso firmato dal sindaco Imeri sul dopo-sentenza non predispone a grande ottimismo, tuttavia la speranza è l’ultima a morire.

Lo stesso discorso non vale tuttavia per le forze di opposizione rappresentate in Consiglio comunale le quali, al di là dei comunicati sul tema che sono piovuti e pioveranno, hanno l’occasione di ragionare insieme su cosa fare, cosa proporre, quali azioni intraprendere su Foro boario.

I cittadini che hanno promosso il ricorso hanno aperto la strada di un possibile lavoro comune che metta a frutto l’esigenza di riqualificare un’area che abbiamo sempre definito fondamentale per la qualità della vita del quartiere e della città.

È un banco di prova: non perdano questa occasione.

A noi non resta, da ultimo, che ringraziare pubblicamente i cittadini che hanno sostenuto finanziariamente il ricorso al TAR. Senza di loro avremmo avuto una gamba in meno per camminare.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.