Una affezione amministrativa: la bandite acuta

megafonoA vedere che fine fanno i bandi indetti dalla Amministrazione comunale c’è da pensare. Improvvida iniziativa? Scalogna marcia? Maledizione della bambola voodoo? Vattelapesca.

Resta il fatto che il risultato è come quello dell’ammazzasette: 7 su 7 fatti fuori.

Bando per aree Bollone: andati buchi n. 2.

Bando per la vendita dell’ex Foro boario: andato buco.

Bando ex Upim: andati buchi n. 2 per la ricerca di una società esterna che gestisse gli spazi commerciali + 1 per la assegnazione gestita dal Comune degli spazi medesimi (2 partecipanti su 7 spazi disponibili).

Bando per la gestione del Caffè letterario: zero partecipanti.

Certo che, a non imbroccarne neanche una, è dura.

Mi sa che gli unici bandi che Beppe Pezzoni potrà emettere sicuro che andranno a segno (almeno loro), saranno quelli da vocabolario: “Bando agli indugi!”, alla sua Giunta. “Bando alle ciance!”, a qualche assessore a piacere. “Bando alla malinconia!”, a se stesso prima di emettere il prossimo bando che andrà buco anche lui.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.