Una palestra per il Filandone

PalestraViaTortaOre 10, lezione di Educazione Fisica.
Marco è uno studente dell’Oberdan, con i suoi compagni lascia l’aula dove ha seguito la lezione di Matematica e procede verso la palestra al piano terreno, a due passi due dall’edificio principale.
In tre minuti è pronto per l’attività fisica. Lo stesso tempo per tornare in classe per la lezione successiva.

Chiara è una studentessa del Weil, sede distaccata al Filandone, appena dietro l’Oberdan. Anche lei con  i suoi compagni lascia l’aula dove ha seguito la lezione di Inglese.
In meno di un minuto è al pianterreno. Ma qui non c’è una palestra per loro, devono andare in Via Torta.
Quindi ‘tutti in corriera’ e alle 9.30 si può iniziare con l’educazione fisica.
Ci vuole tempo anche per tornare e perciò la lezione finisce prima per essere autotrasportati di nuovo in Viale Merisio alla propria aula.

Così tutte le volte, tutte le classi del Filandone sede del Classico e del Linguistico. Centinaia di studenti. Avanti e indietro. Ore di lezione perse. Costi di trasporto inutili.

Ma tra i tanti possibili impieghi di Foro Boario non si potrebbe pensare anche ad una porzione per una palestra ad uso di questi ragazzi, delle società sportive o di altre associazioni sempre alla ricerca di spazi?
Ma quale senso ha mettere un supermercato di viti autofilettanti e idropitture vicino al più grande polo scolastico della provincia, sempre bisognoso di aree di sfogo?  

Foro Boario potrebbe essere tante cose diverse, interessanti e belle. Solo l’insipienza dei nostri amministratori lo sta abbruttendo con un polo commerciale, accontentandosi di una cifra che avevano detto essere non accettabile.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.