La classe non è acqua

Succede che sulla pagina Facebook a sostegno della candidatura Molteni abbiano messo un richiamo alla sostenibilità, mettendo in evidenza che a Treviglio ci sarebbero 1.200 appartamenti vuoti.

Immagino che l’intenzione dell’autore fosse una cosa tipo: “Prima di costruire altri palazzi, consumando altro spazio, verifichiamo quello che è già disponibile e non usato”. Questo almeno credo.

I commenti potevano essere molti e diversi, condivisibili o meno: c’è una quota di invenduto fisiologico, bisogna costruire perché le condizioni sono favorevoli…

Ma nessuno avrebbe mai immaginato di vederci il commento di una società immobiliare che spinge all’acquisto. E a maggior ragione se il commento viene fatto sulla pagina a sostegno del candidato di centrosinistra da un sostenitore e candidato consigliere della destra.

Un po’ come se in calce ai manifesti per la promozione del sì al referendum “contro le trivelle” qualcuno inserisse un riquadro per promuovere la vendita delle trivelle usate.

Un po’ come se nella pagina web della lista “IoTreviglio” (che, oltre a Giancarlo Fumagalli, accoglie come capolista Giuseppe Pezzoni) ci fosse la pubblicità di un’agenzia di investigazioni specializzata in false dichiarazioni.

Tutto lecito, ma di pessimo gusto.

Comunque rimane una grande lezione di tecnica di vendita da inserire in uno di quei manuali di istruzione per venditori junior come esempio di grinta nell’arte di piazzare la merce.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.