Piscina: ancora lamentele

ingresso piscina comunaleLa questione condizioni della piscina comunale continua ad essere all’ordine del giorno. Nonostante la cosa sia già venuta a galla in Consiglio comunale per via di una interpellanza che ho presentato. Nonostante le rassicurazioni e le precisazioni che l’Assessore allo sport Juri Imeri ha fornito in risposta. Partiamo dalla torbidità dell’acqua, questione che si trascina da novembre 2012.  ASL e Assessore rassicurano: le analisi microbiologiche e batteriologiche sembrano confermare la rispondenza ai requisiti previsti e la relativa balneabilità. Resta il fatto, segnalato ufficialmente in passato e risegnalato il mese scorso, che l’acqua non è limpida. Ho avuto ancora segnalazioni di acqua di color bianco e a volte addirittura marrone, che non permette di vedere la riga sul fondo. Ci dicono che il problema sono i filtri, che andranno sostituiti, e che per ora ci si è limitati a diluire l’acqua (si svuota metà vasca e la si riempie con acqua “nuova”).

Intanto le segnalazioni continuano.

Dopo la consegna dell’interrogazione ed il risalto che questa ha avuto sui giornali, il sottoscritto ha registrato altre segnalazioni da parte di alcuni utilizzatori della piscina che hanno segnalato:

  1. l’imminente apertura del “camp” estivo per i bambini e la conseguente preoccupazione dei genitori;
  2.  la pavimentazione scivolosa lungo il percorso uscita spogliatoi/entrata piscina, con il rischio di incidenti dovuti a scivoloni. Le piastrelle ruvide sono state usate solo nelle docce;
  3.  le docce hanno già problemi di funzionamento con acqua non sufficientemente calda;
  4. le pareti dello spogliatoio sono imbiancate con intonaco, che in un posto umido come la piscina tende a staccarsi e a formare muffa;
  5. i mobiletti/panchine per spogliatoi traballanti e uniti con fascette da elettricista (in quanto banalmente recuperati dalla vecchia gestione);
  6. molta sporcizia in genere in un ambiente che non dà la sensazione di essere appena stato ristrutturato;
  7. incremento dei prezzi non correlato ad un incremento nella qualità dei servizi.

A corredo, ci scrive in redazione il nostro lettore C.S.:

Nonostante i lavori di ristrutturazione, la piscina offre ancora un servizio scadente dal punto di vista della pulizia sia della parte spogliatoi e docce (già in gran parte rotte) sia dell’acqua (qualche settimana fa l’acqua della vasca interna era torbida in modo inquietante).

Mentre la qualità del servizio è bassa, le tariffe sono alte e ancor di più lo divengono ora nel periodo estivo: chi voglia nuotare anche solo un’ora il sabato o la domenica è costretto a spendere € 7,50!

Non so cosa preveda il contratto col Comune, ma penso che sia necessario un suo intervento per poter garantire un servizio dignitoso e a prezzi non demenziali.

L’augurio è che questi problemi vengano risolti al più presto e che la commissione comunale per la piscina, di cui è stata annunciata finalmente la prossima istituzione, possa lavorare al più presto per  indicare le soluzioni.

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.