PM10. Da un mese oltre i limiti

Da un mese i livelli del PM10 registrati dalla centralina di piazza Insurrezione sono, senza tregua, oltre i limiti. Il 16 dicembre scorso ha toccato quota 91 e il 1° dicembre quota 93 quando il limite è 50ug/mc.

Questo il grafico degli ultimi 10 giorni.

La colpa pare sia del bel tempo che tiene lo sporco in alto dove è più facile respirarlo mentre dovremmo augurarci il brutto tempo e la pioggia che invece lo sporco lo porta giù dove ad assorbirlo ci pensa la terra.
Singolare che sia più utile uno stregone per ritmare la danza della pioggia che azioni concrete per ridurre le cause del problema.

Anche dai sondaggi che raccolgono le priorità sentite dai cittadini pare non emerga con tutta la forza che dovrebbe avere questa condizione di popolo inquinato nell’aria, nella terra, nell’acqua.

Ma cosa si fa per contenere il PM10? Portare le macchine in centro a girare lungo la circonvallazione o a parcheggiare pare non essere la miglior soluzione.
Come procede, se procede, la bonifica nell’area Baslini?
E’ forse scomparso completamente il cromo esavalente?

Sondaggio o non sondaggio sarà bene tenere questi temi all’ordine del giorno della prossima campagna elettorale per evitare che su questa città si facciano progetti che poi il suo terreno fragile non può sostenere. E ancor più fragili sono i suoi abitanti.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.